Articoli

Originali, personalizzate o eque e solidali: la bomboniera giusta per ringraziare i vostri ospiti

Sono il ricordo del vostro matrimonio, quello che rimarrà in bella mostra nelle case di chi vi vuole bene e ha partecipato con trasporto e commozione alla cerimonia. Le avete scelte con cura, magari dopo averne viste centinaia, molte delle quali pacchiane e che nulla hanno a che vedere con l’amore e con il concetto di vita insieme. Sono loro, le tanto odiate e tanto amate bomboniere.

Per alcuni scegliere l’oggetto perfetto è fondamentale, per altri, nell’era dell’opulenza, hanno perso di significato e quindi alcuni sposi preferiscono orientarsi su scelte più eque e solidali o addirittura rinunciarvi del tutto, sostituendole con delle donazioni ad enti o associazioni di beneficienza.

Comunque la pensiate, se decidete per un piccolo presente da donare ai vostri ospiti, anche solo un sacchettino con dei confetti, anche questo dovrà rispettare regole e tempi ben precisi.

La bomboniera va comunque consegnata a tutti gli invitati e a tutti quelli che, magari anche non presenti al ricevimento, hanno comunque fatto un regalo agli sposi. Ai testimoni è giusto regalare qualcosa di diverso e di speciale, che sottolinei l’importanza del loro ruolo e del loro gesto. Penserete quindi a due versioni della bomboniera. O meglio, penserete ad una bomboniera e ad un vero e proprio regalo tagliato su misura per i vostri testimoni. A colleghi di lavoro, vicini di casa e parenti lontani dovrete far arrivare almeno il sacchettino con i soli confetti.

Come sempre, sulle quantità, tenetevi larghi: meglio avere qualche “scorta” per qualche regalo o invitato inaspettato. Dovete calcolare una bomboniera per nucleo famigliare, due a una coppia di fidanzati.

I confetti, come detto, vanno sempre in numero dispari, segno di indivisibilità. Di solito sono 5, a simboleggiare i valori fondamentali del matrimonio: salute, fertilità, ricchezza, lunga vita e felicità. Come tradizione la bomboniera deve contenere un bigliettino con i nomi degli sposi: prima quello di lei e poi quello di lui (senza i cognomi) e con la data del giorno del sì.

Quanto alla consegna potete scegliere: l’abitudine attuale è quella di consegnarle alla fine del ricevimento. Ringraziare di persona chi ha partecipato al vostro matrimonio è importante dato che quel giorno non potrete stare molto con i singoli, parlare un po’ in intimità con gli invitati, anche se alla fine della festa, li farà sentire sicuramente più partecipi. Se preferite non avere questa incombenza, l’oggetto che avete scelto si può posizionare anche a tavola, come segnaposto. Il galateo anche in questo caso dice altro, consigliando di farle recapitare dopo le nozze, durante la luna di miele.

Quando scegliete la bomboniera ponetevi la domanda “che fine farà tra un anno? Cercate di pensare a oggetti che superino le mode e il passare del tempo in casa altrui senza finire immediatamente nel cassetto delle memorabilia. Certo, la scelta è questione di gusto personale, ciò che piace a voi non deve necessariamente piacere a tutti, ma se rimanete sul classico, se evitate l’originalità a tutti i costi, avrete più chance di azzeccare l’oggetto giusto. Il nostro consiglio è di orientare le preferenze verso idee che vi rappresentino, che parlino di voi e che siano in sintonia con lo stile delle nozze.

L’ultimo step: i biglietti di ringraziamento. Questi vanno inviati via posta e devono essere in coordinato con le partecipazioni. I nomi dei coniugi vanno stampati, mentre la frase di ringraziamento deve essere rigorosamente scritta a mano.

Come chiedere soldi in lista nozze in modo elegante

Molti sposi considerano più utile ed intelligente chiedere soldi come regalo di nozze piuttosto che riempirsi di doni superflui o complicare l’organizzazione del loro matrimonio con la ricerca degli oggetti o dei negozi giusti dove acquistare. Avere contante offre la flessibilità di poter utilizzare il denaro raccolto per ciò che serve alla coppia, con la possibilità di poterlo spendere quando si vuole, anche dopo diversi mesi dal matrimonio.

Eppure, quando gli sposi si trovano a dover pensare a come richiedere la famosa “busta”, è sempre difficile sapere cosa fare, combattuti tra le esigenze moderne da un lato e il rispetto delle tradizioni dall’altro.

Sappiate che con il Galateo è una battaglia persa in partenza, dato che il codice del bon ton non vede di buon occhio nemmeno la più tradizionale delle liste nozze. Probabilmente è rimasto fermo ad un’epoca in cui ricevere tanta argenteria era segno di grande prestigio o semplicemente faceva molto piacere perché simbolo di prosperità.

Per quanto riguarda la tradizione non fatevi ingannare, perché quella della “busta” è un’usanza piuttosto consolidata che ha radici molto antiche soprattutto in alcune regioni d’Italia.

Quello che semmai frena gli sposi, anche quelli più aperti, è la richiesta di soldi che si traduce poi, in termini molto pratici, nella comunicazione di coordinate bancarie agli invitati.

In effetti, le coppie di sposini non hanno tutti i torti, visto che si tratta pur sempre di un matrimonio ed un mimino di buon gusto e di forma sono necessari.

Una delle soluzioni più adottate è quindi quella di allegare alle partecipazioni un biglietto aggiuntivo, rigorosamente scritto a mano e in bella calligrafia, nel quale si mette una frase ad effetto e si formula la richiesta di regalo tramite un IBAN posto nel biglietto stesso.

La frase di apertura del biglietto, solitamente, fa riferimento a come gli sposi vogliono usare i soldi raccolti: viaggio di nozze, arredo casa, beneficienza, eccetera. Molto usate anche le citazioni di poeti e scrittori o le frasi con un pizzico di humor.

Viene poi la parte più difficile, ovvero quella della richiesta stessa. Le frasi più comuni sono quelle di possibilità, le classiche “Per chi volesse”, “Se lo desiderate”. Oppure frasi più articolate come “La vostra presenza è il miglior regalo ma se preferite…”.

Per finire la comunicazione dell’IBAN stesso, con un impatto che si presuppone sia smorzato dalle forme di preambolo appena descritte.

Il biglietto nelle partecipazioni è sicuramente veloce da realizzare, ma rimane pur sempre una soluzione un po’ al limite. Per fortuna oggi la tecnologia ci dà una mano ed è sempre più frequente che gli sposi ricorrano ad una lista nozze online, che unisce praticità ed eleganza.

come chiedere soldi in lista nozze

L’avvento delle liste nozze online

Se si sceglie di usare un servizio come ad esempio Lalunachevuoi (www.lalunachevuoi.it) la comunicazione delle coordinate bancarie non è più un problema poiché … non avviene! Parenti ed amici sono condotti attraverso un normale processo di acquisto di oggetti o parti del viaggio di nozze, con tanto di carrello e pagamento con bonifico o carta di credito, solo che gli sposi invece di ricevere gli oggetti stessi, ricevono denaro in contante sul loro conto.

Starà poi agli sposi acquistare, se lo vorranno, gli oggetti regalati, ma lo potranno fare quando e soprattutto dove vogliono, senza alcun vincolo con un particolare negozio. Inoltre, se nel frattempo gli sposi trovassero una maniera migliore, più utile a loro, per investire il denaro raccolto, non crediamo che nessun amico o parente se la prenderebbe, visto che quello che più sta a cuore a tutti gli invitati è la felicità degli sposi.

In più, con una lista nozze online, si offre agli invitati un’esperienza di partecipazione alla propria luna di miele o ai propri desideri, che è sicuramente migliore di un asettico IBAN riportato su un cartoncino.

Liste nozze online come Lalunachevuoi.it si sono poi evolute per diventare dei veri e propri sostegni 2.0 all’organizzazione del proprio matrimonio con la possibilità di costruire siti web professionali pronti in 5 minuti, mettere RSVP online, eventi come il matrimonio ed eventi a contorno, ringraziamenti degli invitati…

Le liste online più moderne premettono agli ospiti di pagare con carta di credito, venendo incontro alle esigenze anche degli ospiti internazionali che, altrimenti, sarebbero costretti a fare un costoso bonifico verso un conto corrente italiano.

Tutte operazioni che si svolgono nella massima sicurezza, offerti da sistemi di raccolta denaro a norma europea e basati su banche sicure: Lalunachevuoi per esempio usa BNL e BNP Paribas.

Vi starete chiedendo: ma quanto mi costa in più tutto questo? Vista l’economicità di liste come Lalunachevuoi.it, il costo aggiuntivo di carta e stampa da mettere nelle partecipazioni può essere addirittura maggiore!

Se poi si volesse fare una lista “mista” con oggetti (online o in negozio da ricevere a casa) e contributi in denaro (da ricevere sul proprio conto), su Lalunachevuoi sarebbe possibile evitando di aprire una lista nozze aggiuntiva e quindi semplificando la vita agli sposi.

Se poi si vuole fare una lista con una agenzia, anche questo sarà possibile: basta specificare le coordinate bancarie del tour operator che quindi riceverà i contributi per il viaggio di nozze oppure chiedere agli operatori turistici di registrarsi al servizio.